Struvite Gatto

struvite gatto

Struvite Gatto: chi viene colpito maggiormente?

Parliamo della struvite gatto, una patologia molto diffusa, ma essa colpisce anche il cane. Poiché si tratta di piccoli calcoli, più simili a sabbia che a pietruzze, la patologia colpisce più i maschi delle femmine, che hanno la fortuna di essere dotate di un’uretra più larga. Il maschio, quindi, ha molte più probabilità di bloccarsi, specie i felini, che hanno un’uretra veramente in miniatura.

Struvite Gatto: Cause e Rimedi

Perché questa grave patologia, che può comportare la necessità di una delicata operazione, è così frequente? Sono convinto che la spiegazione è semplice, specie per il gatto. Questo splendido felino è un animale di origine desertica, e la natura lo ha previsto, ovviamente, strutturato per avere necessità di limitate quantità d’acqua. Quando viene nutrito a crocchette, riceve una quantità di sostanza secca molto alta, superiore al 90% della formula. Per compensare un cibo così secco, il gatto dovrebbe bere notevoli quantità d’acqua, ma la sua natura di creatura del deserto non lo porta ad aumentare la sete in modo sufficiente. Ciò comporta una maggiore densità di tutti i fluidi organici, creando uno scompenso nell’attività normale dei reni.

Risultato? Si forma la renella, questa sabbietta che può ostruire anche completamente la fuoriuscita dell’urina. A questo punto, sono stati create delle formule che riescono a sciogliere questi calcolini. Ma poiché prevenire è meglio di curare, vi do un semplice suggerimento: mescolate ogni mangime secco con dell’umido (fra il 20 e il 30% della razione totale). Poiché l’umido è caratterizzato da una percentuale di acqua esattamente opposta al secco (oltre l’80% d’acqua e 20% di sostanza secca), il mescolarli riporta molto spesso la normale proporzione, riducendo molto il rischio della renella, anche nel cane.


Dott. Sergio Canello

Fondatore e responsabile Centro Ricerche SANYpet
Medico veterinario ed esperto internazionale in patologie di origine alimentare

Share