Disturbi gastrointestinali di cani e gatti: sintomi e rimedi

disturbi gastrointestinali

Disturbi gastrointestinali: molto comuni e frustranti

Uno degli apparati più comunemente coinvolto alle reazioni avverse agli alimenti è quello gastroenterico, proprio perché la mucosa intestinale, tramite l’azione del sistema linfatico locale (placche del Peyer), è coinvolta nella generazione di una risposta immunitaria protettiva contro gli agenti patogeni e mantenere simultaneamente la propria tolleranza ad antigeni ambientali innocui, come i batteri commensali e determinati componenti alimentari. Disturbi gastrointestinali cronici o ricorrenti, quali vomito ricorrente a digiuno, vomito alimentare, diarrea, perdita di peso, dolorabilità addominale, flatulenza, borborigmi e desiderio esagerato di erba, risultano particolarmente frustranti per vari motivi: scarsa risposta ai farmaci, difficoltà di somministrazione, continue recidive e insoddisfazione dei proprietari.

 

La vera causa di molti disturbi gastrointestinali

Il Dipartimento Ricerca e Sviluppo di SANYpet e il sottoscritto hanno identificato la principale causa di queste manifestazioni e hanno creato una dieta da privazione che, abbinata ad uno specifico pool di piante medicinali, è in grado di ripristinare in modo efficace e rapido le condizioni di salute.*

Abbiamo infatti identificato, come causa della maggior parte di questi problemi, l’inquinamento alimentare, come testimoniano numerose nostre ricerche. È nostra fondata ipotesi che la causa scatenante sia da ricercarsi nei residui di determinati antibiotici come l’ossitetraciclina – i cui effetti pro-infiammatori a carico delle cellule sono già stati dimostrati in vitro – e stiamo lavorando a diversi studi scientifici per approfondire ulteriormente questo argomento.**

 

La soluzione ai disturbi gastrointestinali

FORZA10 Intestinal Active, un alimento particolarmente efficace per forme acute, croniche o ricorrenti caratterizzate da assenza di febbre, di dimagramento e di abbattimento:

  • gastrite, enterite, vomito, diarrea, ulcera, flatulenza, squilibrio della flora intestinale o costipazione
  • alterazioni dell’assorbimento intestinale
  • diarrea acuta e durante i periodi di convalescenza successivi
  • insufficienza pancreatica esocrina, pancreatite acuta o cronica in assenza di iperlipidemia
  • desiderio d’erba eccessivo
  • vomito notturno a stomaco vuoto

 

Un’efficacia comprovata da studi e ricerche scientifiche

L’efficacia della dieta Intestinal Active, uno speciale cibo per gatti e per cani da noi realizzato, è stata dimostrata clinicamente dal Dipartimento Ricerca e Sviluppo SANYpet in collaborazione con un gruppo di colleghi.

Una analisi multicentrica ha valutato il ruolo svolto da questa dieta a base di pesce, integrata con principi naturali standardizzati e titolati, su cani con enterite cronica in corso e senza l’ausilio di alcuna terapia farmacologica, tramite un trial dietetico della durata di 30 giorni. I risultati sono stati ottenuti da protocolli clinici specifici sviluppati e completati da 51 veterinari su tutto il territorio nazionale, dimostrando che Intestinal Active è in grado di risolvere e/o migliorare significativamente la sintomatologia collegata all’apparato gastroenterico in tempi brevi. Dopo pochi giorni di dieta, i sintomi cronici marcati si sono ridotti del 90%.

Uno studio scientifico ha inoltre attuato un trial con 60 cani affetti da vari disturbi gastrointestinali cronici (borborigmi, vomito, diarrea, ricerca di erba, disidratazione, perdita di appetito, rigurgito, dolori addominali, flatulenza, presenza di muco e/o sangue nelle feci). Generalmente, per diagnosticare una reazione avversa al cibo cronica, si consiglia una dieta da esclusione per circa 8-10 settimane. Nel nostro caso ai cani è stata proposto invece Intestinal Active. I risultati sono stati visibili già a partire dai primi giorni di dieta e, al termine della valutazione, l’intensità della maggior parte dei sintomi era scomparsa completamente o drasticamente ridotta.


*“Journal of Immunology research” (In vitro effects of some botanicals with anti-inflammatory and anti-toxic activity).

**Studi pubblicati sulle riviste scientifiche internazionali “Poultry Science” (Cytotoxic effects of oxytetracycline residues in the bones of broiler chickens following therapeutic oral administration of a water formulation) e “Journal of Biochemical and Molecular Toxicology” (Toxicological implications and inflammatory response in human lymphocytes challenged with oxytetracycline).

Share