Congiuntivite gatto persiano: cause e rimedi

Congiuntivite gatto persiano

Congiuntivite gatto persiano: una causa insospettabile

Il gatto persiano è un gatto dal carattere lunatico, caratterizzato in particolar modo dall’essere brachicefalo, ovvero dotato di un muso schiacciato in cui i grandi occhi sono sporgenti dal cranio. Questa sporgenza fa sì che proprio gli occhi siano particolarmente esposti e vulnerabili, e dunque maggiormente sollecitati da fattori ambientali, come acari, polvere, aria secca, ma anche il pelo del suo stesso muso.

Tuttavia, c’è un ulteriore fattore che entra in gioco nello sviluppo di congiuntivite, troppo spesso trascurato e sottovalutato: l’alimentazione. La correlazione tra alimentazione e intolleranza alimentare con manifestazioni nell’occhio è oggetto di Studio del Dipartimento Ricerca e Sviluppo SANYpet da oltre vent’anni, dimostrando che anche l’occhio del gatto può essere l’organo bersaglio di una intolleranza a ingredienti e sostanze nutritive.

Le intolleranze alimentari, patologie in continuo aumento sia in medicina veterinaria che umana, provocano, quale risposta dell’organismo, fenomeni infiammatori alla parte più sensibile (organo bersaglio). Nel caso del gatto persiano le intolleranze alimentari possono manifestarsi proprio a livello dell’occhio, in quanto come detto particolarmente vulnerabile, rendendolo maggiormente soggetto a problemi come la congiuntivite.

L’assunzione di un alimento che l’organismo riconosce come tossico provoca un processo infiammatorio della durata di alcuni giorni, ma se l’alimento in questione continua a far parte dell’alimentazione, i problemi sopra descritti diventeranno cronici, portando alle continue recidive.

Congiuntivite gatto persiano: la soluzione

La soluzione migliore per risolvere un’intolleranza alimentare è agire alla fonte e rimuovere ciò che scatena l’intolleranza nel gatto, cambiando dunque il tipo di alimentazione.

Il consiglio è di scegliere prodotti biologici o con materie prime provenienti da allevamenti estensivi, oppure a base di pesce. Un valore aggiunto sono infine le sostanze botaniche aggiunte, infatti alcune di queste, opportunamente selezionate, combinate e dosate, hanno proprietà riconosciute in letteratura, a beneficio del gatto.

Share