Allergia alimentare o intolleranza alimentare?

allergia alimentare del cane o intolleranza alimentare

Il mio cane soffre di allergia alimentare o intolleranza alimentare?

È ormai evidente l’origine alimentare di molte patologie infiammatorie di riscontro comune nel cane e del gatto. Ne sono la prova le diete da privazione che permettono di verificarne l’origine con una certa facilità. Queste ultime, infatti, costituiscono sempre più frequentemente il mezzo diagnostico più efficace per la diagnosi di allergia alimentare del cane e/o intolleranza alimentare del cane.

Risulta, quindi, sempre più importante, per il veterinario, affinare quanto più possibile la diagnosi differenziale fra allergia e intolleranza.

Riteniamo che, a tale proposito, regni ancora una certa confusione e difficoltà di distinzione. Sarà, quindi, utile rivedere i concetti fondamentali e i sintomi che contraddistinguono l’una dall’altra, mettendo in luce che, per fortuna, sono molti gli elementi distintivi delle due patologie.

Le differenze tra allergia alimentare e intolleranza alimentare

Allergia: coinvolgimento del sistema immunitario;

Intolleranza: reazione chimico-fisica senza coinvolgimento del sistema immunitario;

Allergia: tempi di risposta alla dieta da privazione compresa fra i 20 e i 90 giorni;

Intolleranza: tempi di risposta alla dieta da privazione compresi fra i 3 e i 30 giorni;

Allergia: localizzazione del prurito e lesioni a faccia, labbra, ventre, arti, padiglione auricolare;

Intolleranza: localizzazione del prurito e lesioni a padiglione auricolare, collo, ascelle, groppa, cosce, faccia volare del carpo;

Allergia: tempi di sensibilizzazione compresi fra gli uno e i dieci anni;

Intolleranza: tempi di sensibilizzazione anche in pochi giorni;

Allergia: interessamento principale dell’apparato cutaneo e gastroenterico;

Intolleranza: interessamento di tutti gli apparati fondamentali, con fenomeni infiammatori e/ o aumento delle secrezioni ed escrezioni.

Allergia: non influenzata dalla quantità di allergene;

Intolleranza: reazione influenzata dalla dose.

Quante sono le patologie alimentari di origine allergica rispetto a quelle d’intolleranza alimentare?

Fino ad alcuni anni or sono, era diffusa la convinzione che le allergie la facessero da padrone, costituendo, da sole, oltre il 90% delle reazioni avverse al cibo. Attualmente, sono in molti ad essere convinti che la proporzione sia esattamente opposta, con una preponderanza schiacciante per le intolleranze alimentari.

È possibile chiarire chi ha ragione? Riteniamo che la risposta possano darla proprio le diete da privazione, che, attraverso i tempi di scomparsa della sintomatologia, possono chiarire l’origine allergica o da intolleranza della sintomatologia sospetta.

Perché parliamo sempre di intolleranze alimentari del cane: cause e sintomi

C’è da tener presente che molti studi tendono a identificare negli inquinanti, conservanti, coloranti, residui di farmaci e tossine la causa di molte forme di intolleranza alimentare¹². Anche i nostri studi scientifici³ evidenziano il ruolo scatenante dei residui dell’antibiotico ossitetraciclina nell’insorgenza di reazioni avverse al cibo.

Un altro punto interessante dei nostri studi è l’osservazione che la sintomatologia varia da soggetto a soggetto, interessando, spesso contemporaneamente, occhio, orecchio, cute, cavo orale, comportamento, apparato riproduttivo, sistema immunitario e apparato gastroenterico con fenomeni infiammatori localizzati o generalizzati e/o aumento delle secrezioni ed escrezioni.

È importante mettere in luce che problemi otologici e oculari non sono, attualmente, considerati collegati all’alimentazione, tuttavia con FORZA10 è molto frequente vedere la riduzione progressiva e scomparsa dei fenomeni a carico di tali apparati anche nello spazio di pochi giorni grazie a un’alimentazione con determinati requisiti: carni da allevamenti estensivi o pesce pescato in mare aperto, inserimento di sostanze botaniche, abbondanza di Omega3 e la scelta di ingredienti puliti, reperiti in luoghi incontaminati, come l’Islanda.

¹ Reedy LM, Miller WH. Food Hypersensivity. In: Allergic skin disease of dogs and cats, W.B. Saunders, Philadelphia,1997. 173-188.
² Scott DW, Miller WH, Griffin CE. Small Animal Dermatology, 6th ed, W.B. Saunders, Philadelphia, 2001. 543-666.
³ Tutte le nostre ricerche sono fruibili liberamente al link: http://forza10.com/scientific-studies

Share

Articoli consigliati